Le uva di mare Arrighi Isola d’Elba

 




Le uva di mare Arrighi 


Isola d’Elba


La cultura del vino nell’isola d’Elba si tramanda da generazioni,una notevole tradizione enologica, riconosciuta già all’epoca di Plinio il Vecchio


E fu Napoleone a salvaguardare l’economia dell’isola eliminando le tasse di pedaggio ai vini.

Il vino da meditazione preferito dall'imperatore francese era l’Elba Aleatico passito, un grande vino di colore rosso granato che viene prodotto su tutto il territorio elbano .


L'azienda agricola Antonio Arrighi produce il SILOSO’ ELBA ALEATICO PASSITO D.O.C.G. ROSSO, 100% Uva Aleatico. L'appassimento naturale è per 10/14 giorni all’aria aperta, come vuole secolare tradizione, su graticci.


La cantina ha una superficie di 15 ettari sulle colline alle spalle della baia di Porto Azzurro, all’interno del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.


Arrighi ha riscoperto la tecnica di affinamento del vino naturale in grandi anfore di terracotta prodotte dalla fornace Artenova di Impruneta. Come al tempo dei romani,la “macerazione” di uve avviene in acqua di mare.


Il viticoltore elbanosi è avvalso del supporto dell’Università di Pisa e dell'Università di Milano.


L'utilizzo della terracotta permette una intensa ossigenazione e determina una maturazione ottimale dei vini. La porosità del materiale (argilla), una buona microssigenazione, essenziale per l’evoluzione del vino.


Tra I vini in anfora prodotti dall'azienda agricola Antonio Arrighi sono degni di nota:


HERMIA I.G.T. Toscana Bianco è un omaggio alla secolare storia dello schiavo cantiniere della villa rustica di San Giovanni all’Isola d’Elba.


Prodotto da uve Viognier ,nel vino si riscopre la tradizione dell’affinamento in terracotta,con le bucce lasciate a contatto con il vino per mesi.


TRESSE I.G.T. Toscana Rosso è un “cru” di struttura composto da Sangiovese e in parte da Syrah e Sagrantino. Il lungo affinamento in grandi anfore di terracotta di Impruneta esalta i varietali delle uve utilizzate.


VALERIUS I.G.T. Toscana Bianco è dedicato a Valerius Messalla Niger, console nell’Impero Romano. I Valerii erano proprietari della Villa di San Giovanni a Portoferraio.


Il vitigno autoctono Ansonica è coltivato nei terrazzamenti è ottenuta con la lunga macerazione degli acini in anfore.


L'immersione dell’uva nel mare ha lo scopo di accelerare l’appassimento al sole:il sale marino produce un effetto antiossidante e non si utilizzano solfiti.


Il metodo è stato ideato dagli antichi Greci che popolavano l’isola di Chio.


 Gli abitanti dell’isola egea usavano un sistema di nasse per l’immersione marina dell'uva Ansonica.


L’uva veniva tenuta in acqua di mare prima di essere lasciata asciugare sui graticci e vinificata.


Produttore








I greci hanno portato la vite nella penisola italiana che hanno chiamato Enotria ossia "paese del vino". I romani la diffusero nell'Impero,facendo dell'Italia uno dei luoghi cardine di questa cultura.

Si parla appunto di cultura del vino perché le varie pratiche vitivinicole hanno dato al vino significato sociale simbolico e religioso.Quando degustiamo un vino,siamo condizionati anche fattori culturali, ambientali e di stile di vita.In Italia e nell'area Mediterranea il vino assume un valore sacrale nella liturgia cristiana.

Il vino può raccontare la storia, la cultura nelle sue diverse espressioni.In un sorso di vino c’è il lavoro in vigna e in cantina.




Italy is home of a huge array of wines, regions,
grapevarieties and wine styles. From the misty, lush rolling hills ofthe north to the sun-drenched hills of Tuscany, Umbria, theMarche and Abruzzo, to the southern lands of Puglia,Calabria and Basilicata, while not forgetting the islands of Sicily and Sardinia. Italy's vineyards are home to more than 2,000 grape varieties, many of which are on the
brink of extinction. The safest and best-known Italiangrapes are Sangiovese, Barbera, Nebbiolo, Montepulciano and Pinot
Grigio.When we think of Italian wine two words spring to mind: diversity and tradition. It’s important to understand
something of the history of excellence from Italy's unique terroirs.


Okinawa Diet

 The short book provides a great deal of history about the culture of Okinawa that enables so many centenarians to live out their lives in Okinawa.  This is an ancient diet that has stood the test of time, the proof is self evident in the long lives that many lead in Okinawa.
 Okinawa is one of the healthiest places in the world and one where people have the longest lifespans. Readers don't find a hard time reading this book.
 Readers will learn how they can emulate the diet to help their body function effectively and live a longer, healthier life


Post più popolari