Matilde di Canossa Spergola Scandiano

 


Matilde di Canossa


Spergola Scandiano


La  grancontessa Matilde di Canossa fu una potente feudataria ed grande sostenitrice del papato nella lotta per le
investiture;
sotto il suo comando il Dominio dei Canossa arrivò a dominare un vasto territorio che comprendeva la Lombardia, l'Emilia, la
Romagna e  la Toscana, e che aveva il suo centro a Canossa,
nell'Appennino reggiano. 


 La famiglia dei Canossa, padrona dell'Italia centrale e
imparentata con papi,era in quel momento la famiglia più
potente d'Europa.

Le nozze politiche con  duca Guelfo V , erede della
corona ducale di Baviera, faceva  parte di una rete di alleanze approvate dal
nuovo papa, Urbano II, allo scopo di contrastare efficacemente l'imperatore Enrico IV.


La grancontessa  Matilde è certamente una delle figure più importanti e
interessanti del Medioevo italiano: la sua fede nella Chiesa di quel
tempo, seppe dimostrare una forza straordinaria e le valse l'ammirazione e il profondo amore di tutti i suoi sudditi.


il castello di Canossa è famoso per l'umiliazione di Enrico IV, lasciato fuori dal portone sotto la bufera di neve, per tre
giorni e tre notti, vestito solo di un saio e con il capo cosparso di cenere. Ala fine l'imperatore ottenne l’annullamento della scomunica di
 Papa Gregorio VII.

Stando alla leggenda, pare che lo strumento di pace tra  Matilde di Canossa ed Enrico IV  fu
un calice di vino frizzantino bianco. Si trattava del  vitigno la Spergola che era coltivato nella tenuta della
feudataria. 



Il vitigno o riesce a soportare la siccità,
abituato  a crescere  in terreni  ricchi di
minerali ma poveri d’acqua.

Questa bacca bianca dell’Emilia Romagna

occupa l’1% del territorio della provincia di Reggio Emilia.

La nascita della nuova DOC Colli di Scandiano e di Canossa insieme alla riscoperta della Spergola come varietà regina del territorio contraddistinguono la storia di questo vitigno. 


Oggi la Compagnia della Spergola unisce gli attori protagonisti della sua valorizzazione, dopo essere di diritto entrato nella varietà delle viti delle Doc Colli di Scandiano e Canossa

e la Reggiano.


La Cantina Bertolani è diventata sinonimo di Spergola dal 1925, anno della sua fondazione.Alfredo Bertolani, mediatore di uve, disponeva delle attrezzature della Società Enologica Scandianese. Dopo le esposizioni mondiali di Philadelphia nel 1876 e di Parigi nel 1878, la Società Enologica aveva cessato l’attività.


 L’azienda  è conosciuta da tutti come la Casa del Vino Bianco: qui viene prodotto il 40% del vino bianco del territorio.


Lo Spergola Spumante Brut
Colli di Scandiano e di Canossa Doc è vino Spumante
d’eccellenza ottenuto dalla spremitura in purezza dell’uva bianca “Spergola”.E’ prodotto in quantità limitata
con il metodo Charmat,la gradazione alcolica è 12%.
Il vino è dotato di un perlage fine e persistente,al naso denota sentori floreali evoluti, al palato è sapido e fresco.

L'abbinamento ideale è con formaggio stagionato Parmigiano-Reggiano.

Lo Spergolino Colli di Scandiano e di Canossa Doc
Bianco Classico Secco è un 
vino Bianco Secco Frizzante. 

Si ottiene dalla vinificazione dell’uva bianca “Spergola” della piccola zona di produzione dei colli di Scandiano.

E’ un vino con  con profumi intensi che si accentuano nel retrogusto,la gradazione alcolica è 12% Vol.
Di colore giallo paglierino, 
è fresco dal raffinato e persistente profumo floreale,l'abbinamento più  adatto è con ciambella emiliana 

Produttore





SENSORY 


I greci hanno portato la vite nella penisola italiana che hanno chiamato Enotria ossia "paese del vino". I romani la diffusero nell'Impero,facendo dell'Italia uno dei luoghi cardine di questa cultura.

Si parla appunto di cultura del vino perché le varie pratiche vitivinicole hanno dato al vino significato sociale simbolico e religioso.Quando degustiamo un vino,siamo condizionati anche fattori culturali, ambientali e di stile di vita.In Italia e nell'area Mediterranea il vino assume un valore sacrale nella liturgia cristiana.

Il vino può raccontare la storia, la cultura nelle sue diverse espressioni.In un sorso di vino c’è il lavoro in vigna e in cantina.


Okinawa Diet

 The short book provides a great deal of history about the culture of Okinawa that enables so many centenarians to live out their lives in Okinawa.  This is an ancient diet that has stood the test of time, the proof is self evident in the long lives that many lead in Okinawa.
 Okinawa is one of the healthiest places in the world and one where people have the longest lifespans. Readers don't find a hard time reading this book.
 Readers will learn how they can emulate the diet to help their body function effectively and live a longer, healthier life



Media Contact

Want to share this post


www.marcocarestia.it










Post più popolari