Bellavista Teatro alla Scala

 




 Bellavista Franciacorta 
Teatro alla Scala


L'azienda Bellavista del gruppo Terra Moretti nasce in Franciacorta nel 1977, ubicata sulla collina Bellavista con vista sul Lago di Iseo.


Gli ettari vitati sono 206, dislocati in dieci comuni della Franciacorta per un totale di 107 appezzamenti di terreno che equivalgono a centosette vigne.

Il Monte Guglielmo, che sovrasta le colline moreniche della Franciacorta ,porta le fresche brezze del Prealpi.


Nel 2004 il Teatro alla Scala tornò a risplendere dopo due anni di restauri. Da questa rinascita nasce una nuova collaborazione tra l'azienda Bellavista e il Teatro alla Scala, tempio mondiale della lirica.


Bellavista è stata protagonista in questo speciale tributo alle origini del Teatro alla Scala. Dedicare un vino alla Scala è un onore perché La Scala è il luogo, diceva Maria Callas, dove tutto è perfetto.


Il primo brindisi alla Scala risale alla rappresentazione del melodramma “Andrea Chénier di Giordano, poeta della Rivoluzione francese. Ultimo dei dei romantici, Chénier ha fatto dei caffè parigini il luogo iconico della libera espressione delle idee.


Un omaggio alla tradizione della grande musica con il quale Bellavista inaugura una collezione limitata di vini dedicati alle “opere prime” del Teatro.


Il Melodramma italiano è un vero e proprio Patrimonio dell’Umanità. Bellavista è impegnata a fianco dell’Ente lirico universalmente riconosciuto quale massimo esponente della musica operistica.

La partnership di Bellavista e La Scala di Milano è in invito a tutti gli appassionati del mondo della cultura.


L’alleanza naturale tra vino e musica diventa l’etichetta speciale del Brut millesimo naturale.

Il vino è prodotto dalla speciale selezione della vendemmia 2012 dedicata alla Scala.La vendemmia è a settembre,dai vitigni Chardonnay 75% e Pinot nero 25% , la gradazione è 12.5%.


Il colore è Giallo paglierino intenso, dal perlage finissimo e persistente. Perlage finissimo, continuo e persistente ,

all’olfatto note floreali di alloro e sentori di agrumi .

In bocca è fresco, sapido e si chiude con persistenza.

L'abbinamento perfetto è con ostriche.







SENSORY 


I greci hanno portato la vite nella penisola italiana che hanno chiamato Enotria ossia "paese del vino". I romani la diffusero nell'Impero,facendo dell'Italia uno dei luoghi cardine di questa cultura.

Si parla appunto di cultura del vino perché le varie pratiche vitivinicole hanno dato al vino significato sociale simbolico e religioso.Quando degustiamo un vino,siamo condizionati anche fattori culturali, ambientali e di stile di vita.In Italia e nell'area Mediterranea il vino assume un valore sacrale nella liturgia cristiana.

Il vino può raccontare la storia, la cultura nelle sue diverse espressioni.In un sorso di vino c’è il lavoro in vigna e in cantina.


Okinawa Diet

 The short book provides a great deal of history about the culture of Okinawa that enables so many centenarians to live out their lives in Okinawa.  This is an ancient diet that has stood the test of time, the proof is self evident in the long lives that many lead in Okinawa.
 Okinawa is one of the healthiest places in the world and one where people have the longest lifespans. Readers don't find a hard time reading this book.
 Readers will learn how they can emulate the diet to help their body function effectively and live a longer, healthier life



Media Contact

Want to share this post


www.marcocarestia.it























Post più popolari