Pellegrino Marsala Garibaldi




Pellegrino Perpeetum


Marsala   Garibaldi



La città di Marsala sorge su un promontorio a ridosso del mare, racchiuso entro una cinta muraria di forma quadrata.Il clima è arido,ma temperato dal mare, e perciò ideale per la coltivazione della vite.

Lo storico sbarco a Marsala fu uno dei momenti iniziali della spedizione dei Mille  avvenuto l'11 maggio 1860

Lo sbarco dei garibaldini fu favorito dalla presenza di  navi da guerra della Royal Navy britannica. Le imbarcazioni dovevano  proteggere i magazzini vinicoli Woodhouse.

Il mercante di Liverpool John Woodhouse nel 1773 approdò con la nave su cui viaggiava nel porto di Marsala.
Si narra che durante la sosta egli ebbe modo, insieme al resto dell'equipaggio, di gustare il perpetuum, un vino locale che veniva invecchiato in botti di legno di rovere. 


Woodhouse  fece la sua fortuna costruendo propri stabilimenti per la produzione di vino liquoroso.Ricordandosi del metodo di fortificazione in Spagna e in Portogallo lo adotta per rendere il suo vino più stabile .

Nacque così  il Marsala in quella che fino ad allora era stata una zona agricola depressa.L'armatore Vincenzo Florio fu il primo imprenditore italiano a portare il vino liquoroso in ogni parte del mondo a bordo delle 99 navi della Compagnia Florio.
Per il Marsala si utilizzano le uve bianche pregiate Grillo, Catarratto, Inzolia e Damaschino.Il    Marsala rubino nasce invece mescolando il Pignatello, il Nero d'Avola e il Nerello Mascalese.Come forme di coltivazione di tali vitigni sono ammesse tutte quelle "verticali", come spalliera e controspalliera.
A seconda del contenuto zuccherino possiamo distinguere il Marsala dolce ,secco o semisecco.
Lo storico sbarco a Marsala fu uno dei momenti iniziali della spedizione dei Mille  avvenuto l'11 maggio 1860
Lo sbarco dei garibaldini fu favorito dalla presenza di  navi da guerra della Royal Navy britannica. Le imbarcazioni dovevano  proteggere i magazzini vinicoli di Woodhouse.


Il Marsala superiore riserva risale ad una visita allo stabilimento Florio che effettuò Garibaldi,il Generale dei Due Mondi, dopo l'unificazione dell'Italia.In suo onore questo vino entrò in produzione e prese il nome di G.D o Garibaldi Dolce.                                 
Il Consorzio nasce nel 1963 dall'iniziativa dei produttori locali al fine di tutelare il Marsala originale dalle imitazioni.
Con un decreto del 2003, il ministero delle politiche agricole e forestali lo ha riconosciuto come unico organismo votato alla tutela e alla valorizzazione del Marsala a Denominazione di Origine Controllata.

Il disciplinare  restringe l’area di produzione alla sola provincia di Trapani ad esclusione del comune di Alcamo e delle isole di Pantelleria e Favignana.

Nel 1920 la Cinzano acquisì le cantine Florio e diversi stabilimenti. Da allora le aziende vinicole si sono moltiplicate. 

Tra le più antiche aziende locali ricordiamo la Carlo Pellegrino (1880).
Nel giro di pochi anni, da azienda a conduzione familiare, Cantine Pellegrino diventò una delle più importanti realtà enologiche di Marsala.



Il Marsala Fine è un vino liquoroso,di colore rosso rubino intenso.Al naso è fruttato con note di ciliege e prugne,al palato dolce e finale tannico. L'Invecchiamento è di oltre 2 anni in botti di rovere.

Il vino Marsala è usato sia in cucina , come aperitivo o in abbinamento con dolci al cioccolato.


Information








SENSORY


GUIDA DEI VINI


I greci hanno portato la vite nella penisola italiana che hanno chiamato Enotria ossia "paese del vino". I romani la diffusero nell'Impero,facendo dell'Italia uno dei luoghi cardine di questa cultura.

Si parla appunto di cultura del vino perché le varie pratiche vitivinicole hanno dato al vino significato sociale simbolico e religioso.Quando degustiamo un vino,siamo condizionati anche fattori culturali, ambientali e di stile di vita.In Italia e nell'area Mediterranea il vino assume un valore sacrale nella liturgia cristiana.

Il vino può raccontare la storia, la cultura nelle sue diverse espressioni.In un sorso di vino c’è il lavoro in vigna e in cantina.






Okinawa Diet

 The short book provides a great deal of history about the culture of Okinawa that enables so many centenarians to live out their lives in Okinawa.  This is an ancient diet that has stood the test of time, the proof is self evident in the long lives that many lead in Okinawa.
 Okinawa is one of the healthiest places in the world and one where people have the longest lifespans. Readers don't find a hard time reading this book.
 Readers will learn how they can emulate the diet to help their body function effectively and live a longer, healthier life





Media Contact





Post più popolari